Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate.
Booking.com

FLY WHIT US

Emily O'Connor, una contabile tirocinante di Solihull, volava con Thomas Cook Airlines per Tenerife il 2 marzo.

Indossava un top crop nero e pantaloni a vita alta, e ha attraversato l'aeroporto senza incidenti.

A bordo dell'aereo, si ha scambiato convenevoli con l'equipaggio di cabina che stava salutando i passeggeri, poi si è diretta lungo il corridoio per prendere posto.

La O'Connor ha dichiarato: "Avevo fatto solo alcuni passi quando uno dei membri dell'equipaggio ha detto:" Mi scusi, signora, non è vestita in modo appropriato e non rispetta il nostro codice ".

Le è stata mostrata una copia della rivista di bordo, che riporta una nota a pagina 113: "I clienti che indossano abiti inappropriati (compresi oggetti con slogan o immagini offensive) non potranno viaggiare, a meno che non sia possibile un cambio di vestiti".

Un membro dell'equipaggio di cabina le ha poi detto: "Se non si cambia, la facciamo scedere dall'aereo.

La signorina O'Connor ha quindi fatto appello ai passeggeri, annunciando: "Scusatemi tutti. Sto offendendo qualcuno? Se lo stò facendo sono più che felice di coprirmi. "Nessuno ha, ovviamente, risposto

.

A questo punto un membro dell'equipaggio di cabina le ha detto: "Bene, dov'è la sua borsa?"

La cugina della signora O'Connor, che era sullo stesso volo, le ha prestato una giacca e le è stato permesso di rimanere a bordo dell'aereo.

È stato quindi fatto un annuncio di indirizzo pubblico, dicendo: "Se qualcuno è ritenuto inappropriato in questo volo, verrà sbarcato".

Ha detto che il messaggio sembrava diretto a lei, e che l'ha lasciata "agitata e sconvolta".

La signorina O'Connor ha aggiunto: "C'era un uomo che indossava una canotta e pantaloncini che mostrava molto più carne di me."

La sua amica Eleanor Smith ha sfidato Thomas Cook su Twitter: "L'imbarazzo che deve aver provato e senza una buona ragione! Siete offesi dal corpo femminile? Stava andando in vacanza, vi aspettavate che indossasse una tuta? "

La signorina O'Connor è ritornata da Tenerife a Birmingham una settimana dopo su Thomas Cook Airlines. "Sul volo di ritorno ho indossato lo stesso abito e nessuno ha detto niente.

Ha descritto il suo trattamento sul volo in uscita come "la peggiore esperienza della mia vita".

"Mi sono sentita uno strumento sessuale", ha detto. "Mi hanno fatto sentire come se mi stessi esponendo per trovare attenzioni sessuali."

"Per finire, hanno permesso a un uomo di lanciarmi insulti."

Un passeggero maschio la insultata, definendola una "patetica donna" e invitandola a "mettere una fottuta giacca". L'equipaggio di cabina non ha intrapreso alcuna azione contro il passeggero incriminato.

Mentre le compagnie aeree stabiliscono di solito standard di abbigliamento, i termini e le condizioni di Thomas Cook Airlines non contengono menzione di abbigliamento. La compagnia aere ha invece una serie di regole sulla condotta dei passeggeri.

Un portavoce di Thomas Cook ha dichiarato: "Siamo spiacenti che abbiamo sconvolto la signorinaa O'Connor. È chiaro che avremmo potuto gestire meglio la situazione.

"In comune con la maggior parte delle compagnie aeree abbiamo una politica di abbigliamento appropriata. Questo vale sia per gli uomini che le donne di tutte le età, senza discriminazioni.

"I nostri equipaggi hanno il difficile compito di implementare questa politica e non sempre fanno le cose per bene".

Salva e Leggi più tardi.