Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate.
Booking.com

FLY WHIT US

British Airways, Qantas, Lufthansa, Singapore Airlines, Air-France e KLM hanno annunciato che eviteranno parti dello spazio aereo iraniano

Spazio aereo Iraniano

Molte compagnie aeree che effettuano collegamenti mondiali, stanno reindirizzando i voli per evitare lo spazio aereo controllato dall'Iran, sul Golfo di Oman e lo Stretto di Hormuz, citando problemi di sicurezza per l'intensificarsi dei timori di uno scontro militare in Medio Oriente.

Una raffica di compagnie aeree, tra cui British Airways, Qantas, Lufthansa, Singapore Airlines e la consociata olandese KLM di Air-France KLM, hanno annunciato di voler evitare parti dello spazio aereo iraniano venerdì mattina.

Fa 18 Hornet

La notizia viene dopo un giorno di crescenti tensioni tra Stati Uniti e Iran. Il presidente Donald Trump avrebbe approvato attacchi militari contro la Repubblica islamica giovedì scorso, prima di invertire bruscamente la sua decisione, dieci minuti prima che l'attacco avesse luogo, dopo intense discussioni con i principali funzionari della sicurezza nazionale alla Casa Bianca.

La tensione si è creata dopo che l'Iran ha abbattuto un drone di sorveglianza della Marina Militare Americana, sostendo che si trattasse di un veivolo spia e si fosse addentrato nello spazio aereo iraniano.

A Washington invece la versione è che il drone fosse nello spazio aereo internazionale ai limiti dello spazio aereo iraniano.

L'attacco avrebbe dovuto colpire tre distinti obbiettivi in Iran, ed era stato preannunciato alle forze militari inglesi.